Precedente Home Su Successiva

Il misuratore di Picco di Flusso Espiratorio (PEF)

Il misuratore del Picco di Flusso Espiratorio (Peak Flow Meter) è un apparecchio che valuta il flusso d'aria che fuoriesce dai polmoni in seguito ad un'espirazione forzata. Può essere usato anche a casa per valutare come respira l'asmatico.
E' un piccolo strumento che misura la massima velocità con la quale si emette l'aria dai polmoni. Il picco di flusso cala prima che i sintomi siano evidenti e permette quindi di adattare la terapia prima che la crisi peggiori.
Se registrato quotidianamente, aiuta il medico a definire se una persona ha l'asma e che tipo di asma, a vedere quanto sia grave una crisi e a valutare il buon controllo della malattia.

Come utilizzare il misuratore del PEF

  1. assicurarsi che il paziente sia in piedi e tenga il misuratore del PEF senza impedire il movimento dell’indicatore. Assicurarsi che l’indicatore sia in fondo alla scala facendo scivolare la freccia dell'indicatore fino allo zero.

  2. chiedere al paziente di inspirare profondamente più volte. Sigillare le labbra attorno al boccaglio. Espirare il più velocemente e  rapidamente possibile(“come se dovessero spengere le candeline sulla torta di compleanno”)

  3. registrare il risultato.

  1. I passaggi 1) e 2) devono essere ripetuti almeno tre volte al mattino al risveglio (quando i valori del PEF sono al loro minimo) e alla sera prima di dormire(quando i valori del PEF sono vicini al loro massimo). Se il bambino assume farmaci antiasmatici in modo continuativo (es. fluspiral,flixotide ecc) la misurazione del PEF va eseguita prima dell’esecuzione degli spray consigliati.

  2. dopo la misurazione del PEF,ripetuta almeno 3 volte,sull’apposito grafico va riportato il valore più alto riscontrato (ATTENZIONE:dei tre valori misurati si riporta il valore più alto ottenuto e NON la media dei 3 valori!)

  3. il monitoraggio del PEF  va protratto per lunghi periodi di tempo (almeno 2-3 mesi). E’ necessario che il grafico su  cui vengono riportati i valori di PEF registrati  giornalmente venga fatto analizzare dal con frequenza almeno mensile. In tale modo sarà possibile al medico valutare l’adeguatezza della terapia antiasmatica prescritta.

  4. nel caso in cui il vostro bambino soffra di crisi asmatiche che voi ritenete essere scatenate da condizioni particolari tipo esposizione a irritanti ambientali come pollini,fumo,polvere oppure durante episodi febbrili con tosse o ancora per l’esecuzione di sforzi fisici anche non  pesanti,e’ bene che la misurazione del PEF venga eseguita prima e dopo l'esposizione del bambino al fattore sospettato. In tale maniera sarà possibile adottare adeguata prevenzione riducendo il rischio crisi anche pericolose!

Come disegnare il grafico dei valori

1. Scrivere la data nella riga
2. seguire la linea verticale corrispondente alla misurazione effettuata (mattina, pomeriggio o sera) fino alla linea orizzontale corrispondente al valore misurato del picco di flusso (ad esempio 320), quindi cerchiare il punto d'incontro delle due linee
3. a fine giornata congiungere i punti delle misurazioni effettuate con una linea per ottenere il grafico della curva del picco di flusso. Fare così per tutte le misurazioni effettuate nel periodo di osservazione.

Valori normali e Personal Best

Nella tabella accanto sono riportati i valori normali del PEF calcolati teoricamente in base alla superficie corporea.

Questi valori sono indipendenti dal sesso del soggetto e pertanto sono indicativi sia  per i maschi che per le femmine.

Va,tuttavia,precisato che i valori normali teorici riportati sono poco attendibili.

E'  per questo motivo che  è opportuno calcolare per ogni singolo paziente il cosiddetto PERSONAL BEST cioè il valore di PEF più alto che si riesce a raggiungere in un periodo di 2-3 settimane in cui l'asma è controllata (cioè quando il paziente sta bene ed è senza sintomi).
Per determinare il personal best si
deve:

bullet registrare i valori di PEF per almeno 2 settimane di relativo benessere
bulletal risveglio e tra le ore 12 e le ore 14
bulletprima e dopo l'uso di un Beta 2 stimolante (Ventolin) (se è usato)

 Il valore più alto di PEF misurato è il PERSONAL BEST

ALTEZZA in cm

VALORE NORMALE del PEF

109

147

112

160

114

173

117

187

120

200

122

214

124

227

127

240

130

254

132

267

135

280

137

293

140

307

142

320

145

334

147

347

150

360

152

373

155

387

157

400

160

413

163

427

165

440

168

454

170

467


Il Personal Best è quindi un valore,un numero che esprime il miglior rendimento di quel soggetto specifico in condizione di benessere. Le oscillazioni in negativo che questo valore presenterà nel tempo saranno indicative del peggioramento della capacità respiratoria di quel soggetto e quindi,indirettamente,saranno indice dell'efficacia della terapia intrapresa.

Facciamo un esempio. Ammettiamo che il Personal Best di un bambino asmatico ,in terapia saltuaria con Ventolin, sia 300.

Se le oscillazioni,nel tempo,del PEF di questo bambino non scendono mai al di sotto del 20% del valore del Personal Best (cioè non scendono mai sotto il valore di 240),il controllo dell'asma del nostro piccolo paziente è valido e non richiede nessun ulteriore intervento

Se,invece,purtroppo le oscillazioni del PEF scendono al di sotto del 20% del Personal Best (cioè scendono sotto il valore di 260),il paziente non controlla  bene l'asma e si rende necessario l'aggiustamento della terapia.

In base a queste considerazioni si è soliti suddividere il protocollo terapeutico basato sul Personal Best (e sui sintomi clinici di contorno) in:

Vai al calcolo del Personal Best

AREA VERDE:corrisponde ai valori di Personal Best compresi tra 80-100% senza segni clinici di contorno = Tutto OK!
AREA GIALLA: corrisponde ai valori di Personal Best compresi tra il 60 e l'80% del Personal Best con eventuali sintomi di contorno (tosse,infezione prime vie respiratorie ecc) = Adeguare la terapia aumentando il cortisone e i beta 2 stimolanti
AREA ROSSA: corrisponde ai valori di Personal Best al di sotto il 60%  = Ospedale o comunque variare di molto e a lungo la terapia

Cliccando sopra l'immagine del "semaforo" ti compare il file excel che ti permette di calcolare la variazione terapeutica relativa al TUO personal Best.

Torna inizio pagina